Business Unusual Blog

Usabilità e appunti per un'informatica post-autistica

Posts Tagged ‘concorrenza’

Tu chiamalo se vuoi libero mercato

Posted by Walter su martedì, 6 luglio 2010

Tre del pomeriggio, 32°C,  bar del centro.

(c)Dario Bressanini

Lattina di chinotto? No, solo in bottiglietta. Lattina di aranciata amara? No, solo bottiglietta. (Peccato che se hai sete una bottiglietta da 18cc sono due sorsi.) Chinotto alla spina manco a parlarne, sono cose da marziani.

Leggero turbamento. Riformulo la domanda:

D: CHE COSA @!$%# AVETE IN LATTINA?
R: Coca, Cocalight, Cocazero, Cocacherry, Cocadeca, e naturalmente Fanta e Sprite.

Ossia: posso avere qualsiasi bibita io voglia, purché prodotta dalla The Coca-Cola Company. E non in un bar. Finora ne ho girati sei, stessa storia.

Siamo sicuri che non ci sia un mercato per il chinotto in lattina o alla spina?

Annunci

Posted in Tacchi, Dadi e Datteri | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Tutti finocchi col culo degli altri

Posted by Walter su venerdì, 15 maggio 2009

Siamo di fronte a dei campioni del libero mercato, a dei giganti della libera concorrenza:
Class action contro Google

Sentite qui:

Audrey Spangenberg, amministratore delegato della FirePond, facendo una ricerca su Google col nome della sua azienda, lo ha sì trovato in cima alla lista dei risultati, ma preceduto a sinistra dalle inserzioni delle società rivali, che hanno pagato Google per far comparire i loro messaggi pubblicitari ogni qualvolta qualcuno fa una ricerca col nome Firepond, un marchio registrato.

In pratica, la gentile signora Spangenberg si risente perché Google si permette di far comparire il suo Onorato Marchio assieme a quello dei suoi concorrenti, sicuramente gente vile, infida e immeritevole di pubblica attenzione.
Forse, secondo la Spangenberg, le finanziarie concorrenti dovrebbero comparire in ricerche come “ablazione tartaro canino”.

E già che ci siamo, le Pagine Gialle dovrebbero uscire in due edizioni: in una si trova solo Spangenberg, nell’altra tutto il resto del mondo.

A questo punto, forse un produttore di auto, o una banca, potrebbe esigere dai comuni italiani che nessun concorrente possa aprire una concessionaria o un’agenzia nella via (e perché non nel quartiere? o nel Comune?) dove già se ne trova una loro.

Perché invece far passare la sua azienda per un branco di fessi la gentile signora Spangenberg non ha semplicemente reso ai suoi concorrenti pan per focaccia? Dubbio terribile: magari non sapeva che si potesse fare?

E si noti: la Spangenberg non è nemmeno la prima a ritenersi “danneggiata”, altri hanno raggiunto “accordi con Google” presumibilmente per evitare che una ricerca del proprio nome commerciale conduca al reperimento di propri concorrenti: ossia la prima o la seconda cosa che un cliente vuole.

Siamo di fronte a una cretinata da Guinness, o all’ennesimo esempio di qualcuno che fa il paladino del libero mercato a patto di avere il monopolio?

O magari a tutte e due le cose?

Posted in Costume informatico, Edicole d'Italia, Racconti informatici | Contrassegnato da tag: , | 2 Comments »