Business Unusual Blog

Usabilità e appunti per un'informatica post-autistica

Italia.it: come evitare il bis

Posted by Walter su lunedì, 28 gennaio 2008

A fronte di un disastro così totale come il (momentaneamente?) defunto Italia.it, viene la tentazione di chiedere a gran voce la rimozione dal ciclo decisionale tutte le persone coinvolte, fino al vertice.

Potrebbe anche essere una soddisfazione, ma di breve portata. Perché Italia.it è un problema sistemico, non solo di mancanza di competenze. In Italia.it tutti i passi del processo sono stati fallimentari (leggete pure la Relazione della Commissione di Indagine sul portale Italia.it):

  • chi (Innovazione Italia) doveva definire il progetto ha prodotto un bando e un capitolato lacunosi e generici (in particolare riguardo ai contenuti)
  • chi (il consorzio IBM/ITS/Tiscover) ha fatto il pesce in barile anziché esigere obiettivi precisi da raggiungere
  • chi (il Dipartimento per l’Innovazione Tecnologica) doveva controllare e dirigere non lo ha fatto.

Tutto, in Italia.it, meritava il macero. Tutto:

  • la tecnologia, non rispondente agli standard di settore
  • l’interfaccia scadente
  • l’accessibilità ignorata
  • il modello di interazione limitante, non aperto all’aggiunta di contenuti
  • l’immagine, di un Paese fermo agli anni ’50
  • la comunicazione
  • i contenuti e tutto il processo editoriale
  • il marketing turistico
  • l’utilizzo e l’integrazione con le risorse locali

Il problema di Italia.it non è tecnologico, ma sistemico, e indica chiaramente che non solo non esiste una cultura di progetto, ma che nemmeno esistono le procedure con le quali implementarla. Siamo in presenza di un sistema privo di criteri di controllo condivisi, il cui risultato sono arbitrarietà e assenza di responsabilità.

Per quanto mi piacerebbe vedere molte teste rotolare, questa  non è la cosa più importante. La cosa più importante è  imporre al Dipartimento per l’Innovazione Tecnologica, e a cascata, a tutti i suoi fornitori i concetti di obiettivi, standard di riferimento e collaudo.
Non è pensabile che un progetto informatico possa essere non dico realizzato ma proposto senza mettere chiaramente per iscritto:

  1. a cosa deve servire
  2. con che criteri tecnici deve essere realizzato
  3. quali sono le cose che deve fare
  4. in che modo deve farle
  5. quali sono i criteri e i modi con cui posso accertarmi che le faccia
  6. in quale modo procederò al collaudo, per controllare che tutti i punti precedenti siano stati rispettati
  7. a quali condizioni il collaudo potrà considerarsi superato

Inoltre, trattandosi di danaro pubblico, aggiungo anche che:

  1. i criteri di realizzazione
  2. i criteri e i metodi di collaudo
  3. il bando e il capitolato d’appalto
  4. la documentazione tecnica relativa al progetto
  5. i risultati del collaudo

devono essere disponibili per il pubblico scrutinio. Prima dell’avvio del bando, per garantire che le scelte di progetti siano condivisibili; e dopo la chiusura del progetto, perché non possano sussistere dubbi sulla accettabilità del lavoro svolto.

La struttura di comando di Italia.it, così come mi è stata spiegata a suo tempo, era questa:

  1. il Vicepresidente del Consiglio (On. Francesco Rutelli)
  2. il Comitato Nazionale del Turismo (7 Regioni, 2 Province, gli Enti Autonomi e l’ENIT)
  3. il Sottocomitato tecnico per italia.it, (1 rappresentante per Regione)
  4. il consorzio fornitore (IBM, ITS, Tiscover)

Notate niente? Manca una terza parte che controlli che il fornitore abbia effettivamente fatto ciò che committente richiedeva. Manca una Commissione di collaudo, terza rispetto alla catena di comando, che garantisca il lavoro. Terza significa che non risponde al committente né al fornitore, e quindi non è parte in causa.

Il concetto di terzietà è fondamentale, e si esprime principalmente attraverso gli standard di riferimento. Esistono per qualsiasi cosa, dall’acciaio alle stoffe, ed esistono anche per l’informatica (il W3C è lì per quello). Per tutto quanto non può venire riferito a uno standard, vengono definiti, prima dell’avvio del progetto, criteri e modalità di collaudo. In questo modo, committente e fornitore sanno cosa dovrà fare il prodotto, e come si deciderà se lo fa davvero oppure no.

Il mondo dell’informatica non è il pianeta Marte, i test esistono e vengono pretesi tranne, a quanto pare, nel caso di Italia.it. E’ possibile definire dei test anche per un portale del genere, per tutto quello che non è riconducibile a degli standard di riferimento, sotto forma di casi d’uso sufficientemente vari e rappresentativi.

Il vincolo del pubblico scrutinio è fondamentale per evitare che qualche accidentale deficit di competenza possa tradursi in sperpero di denaro pubblico. Pubblico scrutinio non significa un forum aperto a ciclo continuo: significa che, per un periodo di tempo adeguato, chiunque può esaminare le carte ed esprimere la propria motivata opinione professionale. Allo scadere del periodo, la Commissione di Collaudo considera quanto è stato sottoposto e valuta, motivando, se il feedback ricevuto imponga delle revisioni. Tutto agli atti, ovviamente, e pubblicamente consultabile.

Tutto questo viene già realizzato quando si tratta di un ponte o di un edificio. Se sapremo applicare alle nuove tecnologie un poco della serietà professionale delle vecchie magari non raggiungeremo la perfezione, ma  forse riusciremo a evitare un pericoloso bis di Italia.it. E direi che ne vale la pena. Se invece di 45 milioni ne hanno spesi “solo” 7, vuol dire che ce ne sono altri 38 a rischio.

Technorati Tags: ,

Annunci

3 Risposte to “Italia.it: come evitare il bis”

  1. antgri said

    La cosa più penosa è l’ignoranza di chi progetta… spesso l’unica colpa di tanti sconci ed in parte del “digital-divide” come ho avuto modo di scriver ein un mio post
    http://antoniogrillo.wordpress.com/2008/05/21/digital-divide-davvero-tutta-colpa-della-banda-larga/

  2. Walter Vannini said

    Già. E senza un procedimento formale di collaudo (che non risolve da solo il problema, ma almeno indica dei responsabili certi, che in Italia mancano sempre) quante altre italia.it dovremo sopportare?

  3. aghost said

    il progetto di italia.it era assolutamente perfetto. Serviva a far mangiare un bel po’ di gente e perciç rispondeva perfettamente alle scopo.

    L’unica pecca, se così si può dire, ma veniale, è non l’aver ideato una foglia di fico, cioè un portale di copertura che nascondesse accuratamente tutto il baraccone che c’era dietro.

    Con 60 milioni di finanziamenti, potevano far meno gli ingordi e destinarne UNO al portale-foglia di fico. E tutto sarebbe filato liscio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: