Business Unusual Blog

Usabilità e appunti per un'informatica post-autistica

Archive for gennaio 2008

Italia.it: come evitare il bis

Posted by Walter su lunedì, 28 gennaio 2008

A fronte di un disastro così totale come il (momentaneamente?) defunto Italia.it, viene la tentazione di chiedere a gran voce la rimozione dal ciclo decisionale tutte le persone coinvolte, fino al vertice.

Potrebbe anche essere una soddisfazione, ma di breve portata. Perché Italia.it è un problema sistemico, non solo di mancanza di competenze. In Italia.it tutti i passi del processo sono stati fallimentari (leggete pure la Relazione della Commissione di Indagine sul portale Italia.it):

  • chi (Innovazione Italia) doveva definire il progetto ha prodotto un bando e un capitolato lacunosi e generici (in particolare riguardo ai contenuti)
  • chi (il consorzio IBM/ITS/Tiscover) ha fatto il pesce in barile anziché esigere obiettivi precisi da raggiungere
  • chi (il Dipartimento per l’Innovazione Tecnologica) doveva controllare e dirigere non lo ha fatto.

Tutto, in Italia.it, meritava il macero. Tutto:

  • la tecnologia, non rispondente agli standard di settore
  • l’interfaccia scadente
  • l’accessibilità ignorata
  • il modello di interazione limitante, non aperto all’aggiunta di contenuti
  • l’immagine, di un Paese fermo agli anni ’50
  • la comunicazione
  • i contenuti e tutto il processo editoriale
  • il marketing turistico
  • l’utilizzo e l’integrazione con le risorse locali

Il problema di Italia.it non è tecnologico, ma sistemico, e indica chiaramente che non solo non esiste una cultura di progetto, ma che nemmeno esistono le procedure con le quali implementarla. Siamo in presenza di un sistema privo di criteri di controllo condivisi, il cui risultato sono arbitrarietà e assenza di responsabilità.

Per quanto mi piacerebbe vedere molte teste rotolare, questa  non è la cosa più importante. La cosa più importante è  imporre al Dipartimento per l’Innovazione Tecnologica, e a cascata, a tutti i suoi fornitori i concetti di obiettivi, standard di riferimento e collaudo.
Non è pensabile che un progetto informatico possa essere non dico realizzato ma proposto senza mettere chiaramente per iscritto:

  1. a cosa deve servire
  2. con che criteri tecnici deve essere realizzato
  3. quali sono le cose che deve fare
  4. in che modo deve farle
  5. quali sono i criteri e i modi con cui posso accertarmi che le faccia
  6. in quale modo procederò al collaudo, per controllare che tutti i punti precedenti siano stati rispettati
  7. a quali condizioni il collaudo potrà considerarsi superato

Inoltre, trattandosi di danaro pubblico, aggiungo anche che:

  1. i criteri di realizzazione
  2. i criteri e i metodi di collaudo
  3. il bando e il capitolato d’appalto
  4. la documentazione tecnica relativa al progetto
  5. i risultati del collaudo

devono essere disponibili per il pubblico scrutinio. Prima dell’avvio del bando, per garantire che le scelte di progetti siano condivisibili; e dopo la chiusura del progetto, perché non possano sussistere dubbi sulla accettabilità del lavoro svolto.

La struttura di comando di Italia.it, così come mi è stata spiegata a suo tempo, era questa:

  1. il Vicepresidente del Consiglio (On. Francesco Rutelli)
  2. il Comitato Nazionale del Turismo (7 Regioni, 2 Province, gli Enti Autonomi e l’ENIT)
  3. il Sottocomitato tecnico per italia.it, (1 rappresentante per Regione)
  4. il consorzio fornitore (IBM, ITS, Tiscover)

Notate niente? Manca una terza parte che controlli che il fornitore abbia effettivamente fatto ciò che committente richiedeva. Manca una Commissione di collaudo, terza rispetto alla catena di comando, che garantisca il lavoro. Terza significa che non risponde al committente né al fornitore, e quindi non è parte in causa.

Il concetto di terzietà è fondamentale, e si esprime principalmente attraverso gli standard di riferimento. Esistono per qualsiasi cosa, dall’acciaio alle stoffe, ed esistono anche per l’informatica (il W3C è lì per quello). Per tutto quanto non può venire riferito a uno standard, vengono definiti, prima dell’avvio del progetto, criteri e modalità di collaudo. In questo modo, committente e fornitore sanno cosa dovrà fare il prodotto, e come si deciderà se lo fa davvero oppure no.

Il mondo dell’informatica non è il pianeta Marte, i test esistono e vengono pretesi tranne, a quanto pare, nel caso di Italia.it. E’ possibile definire dei test anche per un portale del genere, per tutto quello che non è riconducibile a degli standard di riferimento, sotto forma di casi d’uso sufficientemente vari e rappresentativi.

Il vincolo del pubblico scrutinio è fondamentale per evitare che qualche accidentale deficit di competenza possa tradursi in sperpero di denaro pubblico. Pubblico scrutinio non significa un forum aperto a ciclo continuo: significa che, per un periodo di tempo adeguato, chiunque può esaminare le carte ed esprimere la propria motivata opinione professionale. Allo scadere del periodo, la Commissione di Collaudo considera quanto è stato sottoposto e valuta, motivando, se il feedback ricevuto imponga delle revisioni. Tutto agli atti, ovviamente, e pubblicamente consultabile.

Tutto questo viene già realizzato quando si tratta di un ponte o di un edificio. Se sapremo applicare alle nuove tecnologie un poco della serietà professionale delle vecchie magari non raggiungeremo la perfezione, ma  forse riusciremo a evitare un pericoloso bis di Italia.it. E direi che ne vale la pena. Se invece di 45 milioni ne hanno spesi “solo” 7, vuol dire che ce ne sono altri 38 a rischio.

Technorati Tags: ,

Posted in Italia.it e Ritalia, Politiche tecnologiche, Usabilita' | 3 Comments »

Italia.it chiude. Avanti il prossimo?

Posted by Walter su lunedì, 21 gennaio 2008

Così il mondo finisce
così il mondo finisce
così il mondo finisce
non con fragore ma con un gemito.

(T.S. Eliot)

E così, Italia.it ha chiuso. Requiescat. Ha chiuso tomo tomo cacchio cacchio, senza strombazzi, proprio come era stato avviato, finanziato e realizzato. Se non ci fosse stata la gag “biùtiful cauntri” di Rutelli forse manco ce ne accorgevamo.

Dice, sono contento? No, non sono contento. Non sono contento perché tutto (avvio, realizzazione e chiusura) è stato gestito come un fatto privato del Governo, su cui il Governo ha rifiutato la trasparenza cui invece è tenuto.

Italia.it se lo sono approvato, se lo sono finanziato, se lo sono fatto. Poi, di fronte al ridicolo che gli si è (giustamente) riversato addosso, si sono nominati la loro commissione di indagine, si sono letti il (desolante) rapporto e infine, non potendo nascondere l’elefante dietro i fili d’erba, si sono chiusi il progetto.

Io non sono contento perché tutte le condizioni che hanno portato a fare di Italia.it un disastro continuano a sussistere. Cito dal Relazione della Commissione di Indagine sul portale Italia.it (p. 46)

  • Innovazione Italia ha operato quale stazione appaltante, ed in quanto tale, ha predisposto il bando di gara e, soprattutto, il capitolato, non tenendo conto delle osservazioni formulate dal CNIPA, la cui correttezza è stata dimostrata dagli avvenimenti successivi: ha, inoltre, trascurato la necessità di intervenire con decisione una volta appurata l’impossibilità di rispettare il primo passaggio temporale nella realizzazione della fornitura;
  • il Dipartimento per l’Innovazione Tecnologica ha avuto il ruolo di sovrintendere ed indirizzare ‘attività della stazione appaltante; in tale veste, non può non essergli imputata la conduzione della fase critica, venutasi a creare nell’autunno del 2005;
  • il fornitore, dal suo canto, non può pretendere di giustificare il mancato rispetto delle obbligazioni assunte consapevolmente lamentando, a posteriori, la loro genericità ovvero, addirittura, l’impossibilità dell’adempimento

Tradotto in termini diretti, la Commissione dice che:

  • Innovazione Italia ha appaltato una cioféca
  • il Dipartimento per l’Innovazione Tecnologica non lo ha capito né saputo gestire
  • il fornitore ha fatto il pesce in barile.

E dovrei essere contento di vedere che Italia.it chiude mentre tutti quelli che l’hanno voluto e fatto sono tutti lì, già pronti al nuovo giro di giostra? Non mi consola sapere che (forse) solo 7 dei 45 milioni stanziati sono effettivamente stati spesi. Temo anzi, che essendo stati già stanziati sarà più difficile sapere che fine faranno. (TEMPO REALE: “siamo pronti a ricominciare in modo diverso” dice l’Ing. Ciro Esposito. Leggete qui.)

Non sono contento perché il problema è sistemico: le procedure, le strutture e le persone che hanno creato italia.it sono ancora tutte lì. E quindi un nuovo disastro sta solo aspettando di succedere.

Se il problema è nel manico, è il manico che bisogna cambiare:

  1. un bando di gara e un capitolato che non tengano conto delle indicazioni del CNIPA non devono essere accettati
  2. chi ha sovrinteso male deve essere rimosso. Le regole da rispettare c’erano. Chi ha accettato di ignorarle per quieto vivere può andare a fare altro, dove non spende soldi pubblici
  3. e da quando un fornitore può assumersi degli obblighi e poi sostenere che non sono realizzabili?
  4. la Legge continua a non prevedere il pubblico accesso e il pubblico scrutinio dei documenti per questo genere di progetti (vedi il report di Scandaloitaliano)

Mi sembra evidente che le regole (o la mancanza di regole) che hanno permesso questo porcaio devono essere riviste.

Inoltre, trovo inaccettabile una condotta così amatoriale, da parte di tutti i diretti interessati.

Gli Ordini Professionali dei dirigenti coinvolti non hanno nulla da dire?

Naturalmente in Italia l’Ordine degli Informatici non esiste. Ma quello degli Ingegneri, non ha nulla da dire sugli Ingegneri coinvolti, a partire dal Capo di Dipartimento Ingegner Ciro Esposito?

Ragazzi di Scandalo Italiano e di Ritalia, si riparte…

Technorati Tags: , ,

Posted in Italia.it e Ritalia, Usabilita' | 2 Comments »