Business Unusual Blog

Usabilità e appunti per un'informatica post-autistica

Clamoroso: si usa l’auto per mettersi le dita nel naso

Posted by Walter su giovedì, 19 luglio 2007

Non so se ridere o imbufalirmi, e nel caso se imbufalirmi per la superficialità della ricerca o per la superficialità del giornalista.

Stando al Corriere della Sera di oggi (Corsera, non Eco della Val Trompia) i manager apprezzano gli smartphone perché gli permettono di lavorare “in mutande”.

E’ quel “perché”, e il senso di sufficienza tecnoanalfabeta che trasuda, che mi dà fastidio. Sì, confesso di avere anche io risposto al cellulare dalla toilette di un ristorante. Una volta o due dalla vasca di casa mia. Spesso mentre cucino. Alzi la mano chi non lo ha fatto.

Ehi, questo significa che c’è un segmento di mercato per dei telefoni noise-canceling che eliminano lo sciabordio di sottofondo!!! O addirittura noise-padding, così posso sostituire il silenzio dell’amaca da cui rispondo il sabato con un rumore da “vero ufficio”, inclusi telefoni che squillano in continuazione e gente che ciacola in riunione (quando qualcuno li tirerà fuori, ricordatevi di averlo letto qui).

Risate a parte, forse il “mondo veloce” (come lo chiama il mio amico Camisani) non ha bisogno di venire trattato con tanta stupidità. Non ho dubbi che “i manager” (i quadri no? e gli impiegati?) rispondano anche in mutande, embé? Il punto è che qui si scambiano cause ed effetti, e questa è cattiva ricerca di mercato e, soprattutto, cattivo giornalismo. Sono disposto a scommettere 100€ contro un caffè che la ricerca dice qualcosa anche sul fatto che “i manager” controllano messaggi e mail anche a notte fonda e nel weekend, ma questo non faceva notizia, vero?

Non ho dubbi che si possa usare lo smartphone in mutande, o seduti in tazza, ma non significa nulla. Telefono in mutande perché le tecnologie mi liberano dalla necessità di essere in ufficio, dietro una scrivania, in un orario canonico.

Nella società dell’informazione, o nel mondo veloce se vogliamo, lavori lì dove sta il tuo cervello (e dove le tecnologie ti connettono); e lavori meglio se non ti distraggono ogni quindici secondi. Si chiamano lavori di concetto proprio perché si usa il cervello più delle mani.

Questo significa forse che la nostra cultura aziendale fatta di uffici, sedi, riunioni, segretarie “scusi dottore gradisce un caffè” ha fatto il suo tempo? Per molte cose, . Ma la testa della gente è dura da cambiare.

E’ più semplice illudersi che qualcuno chieda uno smartphone per poter “lavorare in mutande” (e quindi darglielo come status symbol e non come fondamentale strumento di lavoro) che accorgersi del fatto che spendere 10 in connettività significa risparmiare 100 in edilizia, e in mobilità inutile.

Ma naturalmente viviamo in un Paese dove i tecnoanalfabeti occupano tutti i consigli di amministrazione. Con questa cultura paleozoica, farsi vedere indaffarati conta più che lavorare in modo efficiente. Aspettiamoci quindi altri articoli di questa levatura. Complimenti, Corrierone.

Annunci

2 Risposte to “Clamoroso: si usa l’auto per mettersi le dita nel naso”

  1. Walter Vannini said

    Grande Lele! Certo che l’idea non è nuova. io ne sentii parlare qualche anno fa. all’epoca era una ditta giapponese. Facevano audiocassette con suoni tipo “aeroporto”, “stazione treni”, eccetera.
    Saranno dieci anni, e vedendo che l’idea è ancora lì mi viene da pensare al reale spessore della cosiddetta “cultura d’impresa”. Ma allora potremmo metterci a parlare di gran parte della pubblicità che ci circonda, e non la finiamo più.

    Però, informatico una volta, informatico per sempre. E allora visto che il noise padding (manuale, però…) quasi esiste, andiamo oltre. Facciamo un bel plugin per Skype per analizzare se nella chiamata il rumore di fondo corrisponda a quello che si trova in questi CD. Lo chiamiamo SleazeBuster o qualcosa del genere. Poi facciamo un altro softwarino che generi in tempo reale un flusso sonoro. Come puoi decidere quanti tostapane volanti vedere nello screen saver, qui decidi quanti telefoni vuoi sentire squillare, quante voci devono fare brusio…
    Poi naturalmente c’è SleazeBuster 2.0 che ti sgama pure quelli…
    Ehi, dovrei darmi al marketing!

    Risate a parte, sono abbastanza preoccupato. Nelle 100 qualità che fanno la cultura di un’azienda, la serietà a che posto sta?

  2. lele said

    Niente male l’idea del noise-padding! Guarda un po’ Thriving Office: molto divertente, se non fosse che… è tutto vero!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: