Business Unusual Blog

Usabilità e appunti per un'informatica post-autistica

Il movimento TM

Posted by Walter su giovedì, 29 marzo 2007

L’Architetto Attilio Vitali, pesarese, ha dato un nome a un insieme di canoni estetico-architetturali che permeano la nostra cultura, al punto da costituire un vero e proprio stile, o forse un movimento, che va sotto l’acronimo di “Stile TM.

Come sempre, una formalizzazione brillante è applicabile anche ad ambiti diversi da quello in cui viene originariamente sviluppata. In particolare, vedo il movimento TM vivo e attivo nella progettazione IT, e raggiungere i suoi vertici nella progettazione Web.

Parlare di progettazione, e in particolare di progettazione Web, è spesso difficile se vi trovate davanti un informatico dato che, invariabilmente, il discorso finisce sull’usabilità. L’informatico lamenterà puntualmente come la mancanza di usabilità di un progetto Web ne mini il valore d’uso, faccia lievitare i costi e in ultima analisi dissipi le risorse devolute al progetto.

A questo punto, il responsabile del design ha vita facile a dismettere queste pedanterie per quello che sono: “un sito bello, d’effetto, mica si può farlo tutto perfettamente squadrato per avere l’usabilità”. Un’affermazione che dovrebbe entrare di diritto nelle raccolte di non sequitur.

Questo genere di incomprensione ci consente di mettere in luce un certo numero di tendenze, o dettami, che fanno capo proprio al movimento TM:

I dettami del movimento TM per il Web

  1. un sito Web efficace deve essere bello e d’effetto e comunicare emozioni
  2. la bellezza di un sito è l’emozione immediata che se ne trae
  3. l’usabilità è in competizione con l’estetica, l’emozione, l’appeal
  4. l’usabilità appiattisce il design e frustra la creatività
  5. la pretesa di valutare un sito secondo criteri misurabili e oggettivi denota la palese ignoranza delle esigenze dell’intelligenza emotiva
  6. l’usabilità rappresenta costi cui non corrispondono benefici tangibili, è un divertimento da ingegneri.

Trovo che l’avere portato alla luce il movimento TM nella nostra cultura permetta finalmente di dare un’ordinamento formale a dettami e tendenze che troppo spesso e con troppa leggerezza si volevano attribuire al caso, o a fattori non volontari.

P.S.

Scusate, sono ricaduto nel maledetto vizio degli informatici di parlare per acronimi. Il nome completo dello stile, o movimento, TM è Tardo Mentale.

Rimando per la formalizzazione completa alla ricerca (e relativo sito Web) di imminente pubblicazione dell’Architetto Attilio Vitali, partner dello Studio HZS di Firenze.

P.P.S.

Trovo che questo esempio terminale permetta di valutare chiaramente quali sono i reali costi dell’usabilità o della sua mancanza. A chi sostenga che si tratta di tutt’altro settore e che non ha nulla a che vedere con il Web, posso solo dire che la progettazione è tale indipendentemente dall’oggetto progettato e far notare che una parte sempre maggiore delle nostre Aziende e Pubbliche Amministrazioni, per applicazioni semplici come per applicazioni mission critical, si basa su interfacce Web.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: